Organigramma

In un sistema individualista, povero di valori sociali come il nostro, è eroe chi vi si sottrae anche solo per pochi minuti e dedica un pensiero, un’azione, qualche soldo a chi non ha nulla e subisce continue violenze.

Apeiron deve il suo lavoro ed i risultati raggiunti sino ad oggi a tutti coloro che dedicano parte, se non tutta, la loro vita alla nostra missione. Si tratta, ad esempio, dei membri del Consiglio Direttivo, dei Responsabili dei progetti in Nepal e delle attività in Italia e di tutti i preziosi volontari e collaboratori che assicurano efficienza ed efficacia ai nostri interventi ed un continuo sostegno agli stessi.

Quello che queste persone ricevono in cambio è più di quello che danno. Godono del risultato raggiunto, ricevono un sorriso, vedono occhi lucenti e diventano testimoni di piccoli miracoli: le vite di una donna e del suo bambino letteralmente salvate.

 

  • Loredana Iametti
    Presidente

    Loredana incontra questa parte di mondo in giovanissima età, in un paesino della Svizzera, grazie al popolo tibetano. Il passo dalla cultura tibetana a quella nepalese è corto e altrettanto travolgente. L'amore per quei luoghi non la lasceranno più, fino a convincerla ad assumere il ruolo di Presidente di Apeiron dal 2017.

  • Federica Pollini
    Vice Presidente

    La prima volta che Federica mette piede a Kathmandu pensa: Mai più! Poi decide di tornare, e scopre che sotto la polvere ci sono sorrisi che lasciano il segno; si appassiona ad Apeiron e alla sua mission diventandone attiva volontaria e, dal 2014 al 2016, Presidente.

  • Paolo Nicoli
    Consigliere

    Paola conosce Apeiron in Nepal nel 2004.
    Da subito ne condivide i valori: diventa prima socia, poi volontaria attiva, coinvolgendo anche altre persone della sua città. Paola crede nel valore del volontariato e nel 2014 diventa Consigliera di Apeiron.

  • Barbara Monachesi
    Responsabile Progetti in Nepal

    Arrivata per caso a Kathmandu, Barbara decide di restare a seguito dell'incontro con Pramod, un bambino di strada diventato ora suo figlio. La famiglia si è poi allargata (marito nepalese e due figlie) ed il suo impegno a favore delle donne nepalesi consolidato. L'esperienza del terremoto l'ha convinta che il suo cuore è qui, ai piedi dell'Himalaya.

  • Michela Monachesi
    Responsabile Attività in Italia

    Michela viaggia in Nepal per la prima volta nel 2005, per raggiungere la sorella Barbara. La profondità degli sguardi e l’ampiezza dei sorrisi che incontrerà lungo il cammino non l’abbonderanno più.
    Rientrata in Italia, diventa subito volontaria e dal 2010 ricopre il ruolo di Responsabile dell’attività in Italia dell'associazione.

  • Petra Crociati
    Fundraiser

    Petra sente parlare per la prima volta di Apeiron nel 2012, quando un'amica trascorre alcuni mesi a Kathmandu e visita CASANepal. Due anni dopo conosce Michela durante un Master e inizia a interessarsi attivamente all'associazione, anche per via dei suoi studi sulla violenza nei confronti delle donne. Collabora con Apeiron dal 2016 come fundraiser.

Con noi ci sono anche

  • Maria Antonietta Caldarola
    Videomaker

  • Benedetta Crippa
    Graphic Designer

  • Giacomo D'Orlando
    Fotografo

  • Alessio Mamo
    Fotografo

donation